Home Spettacoli e Cultura Teatro Augusteo, comincia la stagione con Biagio Izzo in “ESSEOESSE”

Teatro Augusteo, comincia la stagione con Biagio Izzo in “ESSEOESSE”

Il palinsesto 2013-2014 del Teatro Augusteo si presenta ricco di comicità e fantasia.

In apertura di stagione, il 25 Ottobre andrà in scena la commedia “ESSEOESSE”, interpretata e scritta da Biagio Izzo e Bruno Tabacchini. Lo spettacolo sarà disponibile dal 25 Ottobre al 3 Novembre. Insieme a Bruno Procopio e per la regia di Claudio Insegno, Biagio Izzo impersona un turista diretto a Sharm El-Sheikh a bordo di un piccolo aereo che per un’avaria precipita nel deserto. I berberi salvano l’equipaggio, non accorgendosi che a bordo del velivolo è rimasto il turista. Rimasto solo, si dirige verso un’oasi, luogo provvidenziale e nello stesso tempo inquietante. Infatti, l’oasi gli assicura la salvezza fisica con la presenza di acqua e viveri, ma lo condanna a riflettere sulla sua vita quotidiana e a farne un bilancio. L’unico punto di contatto con il resto del mondo è la radio di bordo e così, per non impazzire e cercare aiuto, l’uomo comincia ad inviare “ESSEOESSE”.

Dall’8 al 17 Novembre seguirà la pièce “ C’è qualche cosa in te” con Enrico Montesano, caratterizzata dal meglio degli storici spettacoli dell’attore romano come “Rugantino”, “Bravo” e tanti altri.

Il 29 Novembre il teatro ricorderà Eduardo De Filippo con l’opera di Armando Pugliese “Eduardo al Kursaal”, quattro atti interpretati da Mariangela D’Abbraccio, Francesco Paolantoni e Stefano Sarcinelli. Il primo atto si chiama “La vedova allegra” e presenta una compagnia di comici che, per volontà del loro regista, dovranno recitare in 15 minuti l’opera di Franz Lehàr, producendo un risultato divertente e confusionario. Il secondo, “Pericolosamente”, mostra il metodo di un marito per domare la moglie bisbetica, colpi di pistola a salve che inizialmente calmeranno la donna, ma che poi saranno sempre più necessari a mantenere la tranquillità domestica. A seguire, “La voce del padrone”, atto in cui un’orchestra è intenta a incidere il classico Adduormete cu’mme, mentre le cantanti si accapigliano e il Maestro litiga con i musicisti. Nell’ultimo atto “Amicizia”, Alberto Califano incontra il suo amico Bartolomeo, ormai in fin di vita, che con il suo comportamento si rende odioso agli occhi dell’amico di cui si vendicherà alla fine.

Dal 13 Dicembre, Alessandro Siani tornerà con il suo “Sono in zona Show”, un insieme di sketch sui luoghi comuni accompagnato dal dj Frank Carpentieri e da 5 breakdancers che realizzeranno uno “spettacolo nello spettacolo”.

Dal 24 Gennaio, Gino Rivieccio calcherà le scene con “Ti presento mio fratello”, spettacolo scritto dall’attore con Stefano Sarcinelli e Peppe Quintale. Gino Rivieccio interpreta Stefano, un brillante avvocato trasferitosi a Lugano e sposato con Petra, che gestisce una galleria di arte moderna. L’arrivo di Peppe, cantante neomelodico e fratello di Stefano, sconvolge lo stato di quiete della coppia, contrapponendo la rigidità nordica alla flessibilità e scioltezza meridionale.

Il 7 Febbraio Paolo Caiazzo ospiterà il pubblico in “Benvenuti in casa Esposito”, commedia in due atti scritta da Paolo Caiazzo, Alessandro Siani e Pino Imperatore. La commedia ha come protagonista Tonino Esposito, figlio di un boss ucciso, il quale vuole emulare le gesta del padre, pur essendo incapace ed imbranato. Grazie ai consigli di un fantasma del cimitero, Tonino diviene un capo clan virtuoso e nel corso del suo operato, vengono messi in ridicolo i comportamenti più rozzi dei camorristi.

Il 21 febbraio vedrà il ritorno di Biagio Izzo con “Come un Cenerentolo”, rivisitazione della fiaba “Cenerentola” al maschile, in cui Biagio Izzo indossa le vesti del suo personaggio Bibì, figlio adottivo dei ricchi albergatori Barone, da cui dovrà farsi accettare una volta entrato negli interessi di famiglia.

La favola e la magia arriveranno all’Augusteo il 14 Marzo con “Arturo Brachetti 2014”, spettacolo dell’omonimo attore trasformista.

Grande ritorno di Tato Russo il 4 Aprile con “I Menecmi”, commedia amara di Plauto che ha reso l’attore partenopeo molto caro ai suoi concittadini e agli italiani che hanno amato la commedia in tutti i teatri della penisola, da ormai 25 anni. Nell’antica Neapolis, un gemello becero e volgare si oppone all’altro colto e virtuoso.

In chiusura di stagione, dal 25 Aprile andrà in scena “A.A. A Cercasi Cenerentola”, di Saverio Marconi e Stefano D’Orazio, ambientata nell’Italia anni Cinquanta. Paolo Ruffini è il Principe in cerca della sua Cenerentola, accompagnato e consigliato dal fido Rodrigo, interpretato da Manuel Frattini.