Home Lifestyle Viaggi Salonicco, fiore all’occhiello della cultura macedone

Salonicco, fiore all’occhiello della cultura macedone

Salonicco, ovvero l’antica Tessalonica è la seconda città della Grecia per numero di abitanti Il comune di Salonicco in senso stretto conta 363 987 abitanti, mentre l’area urbana sulla baia del Golfo Termaico, conta 1 milione di abitanti.

Fondata attorno al 315 a.C. da Cassandro, Re dei Macedoni, la città venne occupata dai musulmani nel 904 e dai Normanni di Sicilia nel 1185. Dopo la conquista da parte dell’Impero bizantino nel 1246, nel 1423 divenne parte del Regno di Venezia, fino alla cessione al sultano ottomano Murad II nel 1430.

Salonicco, in turco Selanik, rimase sotto controllo ottomano fino al 1912 e divenne una delle città più importanti dell’impero e dato che una grande comunità di ebrei sefaridi si era stabilita in questa città tra la prima e la seconda guerra mondiale, Salonicco cadde nelle mani della Germania nazista nel 1941 e rimase sotto occupazione tedesca fino al 1944.

Caratterizzata da molti edifici religiosi, uno dei più importanti esempi di architettura del settore è rappresentata dalla Chiesa di San Demetrio con le sue estese mura cittadine della Città Alta. Ricca di musei, la città vanta alcuni esempi unici tra cui quello ebraico, macedone, moderno e bizantino, ma anche il museo della lotta, dello sporto, dell’acqua e del cinema.

Di notevole bellezza anche il cimitero antico, l’antica Antica Agorà e il Monastero di Latomos.

 

 

 

Fonte foto:http://www.atuttoturismo.it/2011/09/29/salonicco-cosa-vedere-a-salonicco/