Home Sport Champions: feriti due tifosi russi in Roma-Cska

Champions: feriti due tifosi russi in Roma-Cska

Sono tre i tifosi arrestati ieri sera nel pre partita all’Olimpico. Si tratta di un tifoso romanista, fermato durante i tafferugli nei pressi di Ponte Duca D’Aosta, e due russi, nei controlli di prefiltraggio, perché trovati in possesso di coltelli e petardi. Prima dell’inizio del match quando le tifoserie sono entrate in contatto all’altezza di ponte Duca d’Aosta la polizia ha effettuato alcune cariche di alleggerimento. Quattro sono invece i daspo, di cui tre internazionali. Sono circa 15 i tifosi russi portati negli uffici di polizia per i disordini di ieri sugli spalti dell’Olimpico. La loro posizione è ora al vaglio. Durante l’incontro di Champions League gli ospiti, nel tentativo di raggiungere la vetrata che li separava dai tifosi romanisti, hanno aggredito gli steward rompendo il cordone di sicurezza. Sono intervenute le forze dell’ordine che hanno individuato una quindicina di persone.

Torna la violenza fuori dallo stadio Olimpico nella serata della Champions League. Tafferugli tra tifoserie, un supporter russo accoltellato e un altro ferito alla testa probabilmente da una bottigliata. È il bilancio del pre partita della sfida tra Roma e Cska Mosca. Episodi che si verificano a quattro mesi di distanza dalla notte della finale di Coppa Italia del 3 maggio scorso, tra Napoli e Fiorentina, in cui fu ferito a morte da un colpo di pistola il tifoso azzurro Ciro Esposito. I disordini di stasera sono avvenuti circa un’ora prima del fischio di inizio nei pressi di ponte Duca D’Aosta dove tra le opposte tifoserie c’è stato anche il lancio di alcuni petardi. Il supporter russo è stato accoltellato al torace e all’addome.

L’uomo è stato trasportato al policlinico Gemelli in codice rosso, ma vigile. Secondo quanto si apprende da fonti sanitarie, non rischierebbe la vita, ma sta effettuando accertamenti e la prognosi al momento è riservata. Nello stesso ospedale è stato portato in codice rosso anche l’altro supporter straniero. Ha riportato un trauma cranico grave provocato forse da una bottigliata. Prima dell’inizio della partita sarebbero state danneggiate anche alcune auto e derubato un venditore ambulante. Momenti di tensione anche all’interno dello stadio, quando con la Roma in vantaggio per 5-0 i circa mille tifosi russi hanno cominciato a lanciare fumogeni verso il settore dei sostenitori giallorossi: botte con gli steward, partita bloccata dall’arbitro per un paio di minuti, poi l’ingresso in curva della polizia in assetto antisommossa ha riportato la situazione alla tranquillità.

Fonte www.corrieredellosport.it