Home Attualità Camorra, arrestato il boss di Scampia Marco Di Lauro

Camorra, arrestato il boss di Scampia Marco Di Lauro

arrestato di lauro

Camorra, arrestato il boss Marco Di Lauro: era considerato il secondo latitante più pericoloso d’Italia dopo Matteo Messina Denaro

l boss della camorra, Marco Di Lauro, è stato arrestato a Napoli da carabinieri, polizia e finanza in una operazione congiunta, in via Emilio Scaglione, a Chiaiano mentre era con la compagna, che lo ha abbracciato mentre i poliziotti lo portavano via. Di Lauro era latitante dal 7 dicembre 2004 quando sfuggì a un maxi blitz che passerà alla storia giudiziaria come la “notte delle manette“.

Era ricercato per associazione di tipo mafioso e altri reati. Dal 17 novembre 2006 era ricercato anche in campo internazionale e faceva parte dell’elenco dei latitanti di massima pericolosità. Considerato dagli inquirenti il secondo latitante più pericoloso d’Italia dopo Matteo Messina Denaro.

Nel 2010, un collaboratore di giustizia ha indicato Marco Di Lauro come mandante di 4 omicidi. È il più giovane dei figli di Paolo Di Lauro, protagonista della faida di Scampia. Il blitz è scattato con un’operazione condotta in sinergia da polizia, carabinieri e guardia di finanza e coordinata dal procuratore aggiunto Giuseppe Borrelli con il procuratore Giovanni Melillo e i pm Maurizio De Marco e Vincenza Marra.

La svolta su Di Lauro dopo un femminicidio: ‘fibrillazioni’ utili alle indagini

Il covo di Di Lauro è stato individuato dopo un femminicidio avvenuto oggi a Napoli. I carabinieri hanno trovato Norina Mattuozzo, 33 anni, in casa dei genitori riversa per terra. Era tornata a vivere nella casa materna da quando le cose con il marito, Salvatore Tamburrino, un ex sorvegliato speciale contiguo al clan di camorra dei Di Lauro, non andavano più bene.

I carabinieri erano sulle tracce di Tamburrino ma l’uomo li ha preceduti: dopo aver contattato il suo avvocato, si è costituito negli uffici della squadra mobile di Napoli dove è stato sottoposto a interrogatorio per ricostruire l’esatta dinamica dei fatti. E di lì condotto in carcere.

Fonte: repubblica

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here