Home Attualità Germania di nuovo isola felice? L’Europa in crisi emigra verso il “sogno...

Germania di nuovo isola felice? L’Europa in crisi emigra verso il “sogno tedesco”

La Germania è da sempre una delle destinazioni preferite di chi è in cerca di lavoro: immigrazione turca, magrebina, balcanica. In assoluto, il Paese che più contribuisce all’immigrazione in Germania è la Polonia, con 89mila immigrati. Ma la tendenza dei polacchi a trasferirsi in Germania è vecchia di decenni e non ha subito i drastici aumenti che si sono, invece, verificati nel flusso in arrivo dai paesi del sud dell’Europa.

L’immigrazione in Germania sta cambiando e oggi arriva per lo più da Grecia, Spagna e Portogallo.  I Paesi della crisi. E allo stesso modo, cambia la provenienza sociale e la formazione professionale degli immigrati sta cambiando: secondo il Wall Street Journal c’è un numero crescente di dottori e lavoratori qualificati che lascia il proprio paese di origine allettato in migliori prospettive di carriera.
E questo nonostante l’economia della Germania stia rallentando e probabilmente quest’anno non crescerà più di qualche punto decimale – gli ultimi dati dichiarano la zona euro in recessione -: il Paese rimane un’attrattiva per via del tasso di disoccupazione ancora estremamente basso (6,9%) e degli stipendi superiori alla media europea.

Secondo i dati diffusi dall’Ufficio statistico federale tedesco, nei primi sei mesi del 2012, rispetto ai primi sei mesi del 2011, gli immigrati sono aumentati complessivamente del 15%, dopo che nel 2011 erano già cresciuti, rispetto al 2010, del 20%.
I numeri più significativi sono quelli dei paesi in crisi: dalla Grecia il flusso è aumentato del 78%, dalla Spagna e dal Portogallo di più del 50%. Complessivamente, sono più di mezzo milione le persone che nei primi sei mesi del 2012 si sono trasferite in Germania, seguendo un trend in costante aumento dal 2007. Negli ultimi cinque anni, in totale si sono trasferiti in Germania 83mila greci e 117mila spagnoli.
Non sono stati ancora pubblicati i numeri dell’immigrazione italiana in Germania negli ultimi 6 mesi, ma sappiamo che nel 2011, con più di 30mila immigrati, l’Italia era il paese “più tedesco” di tutta l’Europa meridionale.