Home Attualità Little miss America: una folle realtà

Little miss America: una folle realtà

Negli Stati Uniti i concorsi di bellezza sono all’ordine del giorno e a questo tipo di concorsi non partecipano soltanto adulti o ragazzi, ma anche tante piccole bambine spesso spinte dalle loro madri. E’ proprio sull’ossessione dell’apparire che puntano questi concorsi, che hanno origini antiche: la prima kermesse, infatti, risale addirittura agli anni ’20. Se il film “Little Miss Sunshine” scherzava sul fenomeno, la cronaca odierna dice che c’è davvero poco da ridere. L’omicidio della piccola JonBenet Ramsey ha fatto notevolmente alzare il livello di guardia. Poi sono arrivati libri che testimoniano le dure battaglie di alcune madri contro il fenomeno che spinge le bimbe ad emulare modelli impossibili da raggiungere. Storie di ordinaria follia. Un mercato americano che sfrutta tre milioni di bambine e ragazzine dai 3 ai 16 anni. Moltissime famiglie sono pronte a spendere somme di denaro enormi pur di vedere le loro pargolette entrare nel giro.
Ma non tutte le mamme, per fortuna, la pensano così. Tanyth Carey, ad esempio, ha scritto un libro dal titolo emblematico: “Dove è finita la mia bambina? Come proteggere vostra figlia da una crescita prematura”. Lei, che in passato è stata una piccola reginetta, oggi denuncia nei panni di giornalista la folle crescita del mercato dei prodotti di bellezza destinato alle bimbe dagli 8 ai 12 anni. Tali prodotti hanno nomi molto allettanti per le piccole. Inquietanti, poi, sono i risultati di una ricerca del British Journal of Psychology: la metà delle bambine dai 3 ai 6 anni si sente grassa. A 7 anni, nove su dieci giurano di voler dimagrire. E la metà delle bambine di 9 anni ha già intrapreso una dieta.Tutto per un po’ di celebrità o per portare avanti la speranza di ottenere una parte in qualche fiction televisiva e guadagnare un po’ di soldi. In America la situazione raggiunge livelli impensabili, genitori che impediscono ai figli di fare il sonnellino pomeridiano per non rovinare l’acconciatura oppure altri dare ai piccoli bibite e caramelle con la caffeina per farli essere più svegli ed attivi. Ciglia e unghie finte, trucco, parrucche pesantissime, ceretta, pelle colorata con spray abbronzanti, sopracciglia e labbra tatuate… Madri che incitano le proprie figlie ad ammiccare e ancheggiare sensualmente.