Home Lifestyle Viaggi Montrèal: la metropoli delle meraviglie

Montrèal: la metropoli delle meraviglie

 

 

 

La città di Montreal si trova alla confluenza dei fiumi San Lorenzo e Outaouais. E’ la terza città francofona al mondo, nonchè il centro più popoloso del Quebec ed il suo più importante polo economico. Il francese dunque, è la lingua madre, ma la maggioranza dei “quebecois” parla correntemente più di un’idioma: l’inglese è la seconda lingua parlata, seguita da italiano e spagnolo. I dati linguistici rispecchiano la forte multietnicità della città: numerosi sono i quartieri che identificano le minoranze presenti. Montreal è nota, tra l’altro, per la presenza di una ben radicata comunità italiana concentrata nella “Petit Italie”: qui, nei vari piccoli e grandi negozi dai nomi che richiamano le principali città del nostro paese, è possibile trovare tutti i prodotti tipicamente nostrani, dalla mozzarella alla pasta di Gragnano. Una volta all’anno, solitamente agli inizi di agosto, si svolge la “Semaine Italienne de Montreal”, una settimana dedicata alla cultura ed alle tradizioni italiane che prevede spettacoli, concerti e sagre. Il confine tra i quartieri etnici è molto sottile: basta attraversare la strada o girare l’angolo per ritrovarsi immersi nelle atmosfere orientali di “Chinatown”, tra gruppi di anziani che praticano il “Tai Chi” ed eleganti signorine vestite di seta che si riparano dal sole con i loro ombrellini di carta. Un attimo dopo si è già tra le botteghe africane, in cui gli artigiani scolpiscono suppellettili di legno, mentre i bambini tagliano le strade correndo con le lunghe treccine colorate. E’ come fare un piccolo giro del mondo in pochi passi: ognuno conserva con calore ed orgoglio le proprie tradizioni, i propri stili di vita, convivendo sapientemente, senza lasciarsi inglobare, con la scaltra modernità occidentale. Meravigliosa è la zona dell’ “Old Port”, la parte più antica e monumentale: costeggia il fiume San Lorenzo, le cui acque si popolano, nella bella stagione, di appassionati di modellismo con le piccole barche motorizzate, pedalò e grandi yatch. Da quest’anno è prevista inoltre l’installazione di una spiaggia urbana artificiale, la “Plage urbaine au Vieux-Port” per consentire anche ai quebecois ed ai numerosi turisti di godere tutti i benefici dell’ estate. Centro delle attività culturali e sociali di Old Port è senza dubbio “Place de Jacques Cartier” (nella foto), in cui si fiancheggiano piccole casette di legno che ospitano i mercatini artigianali, mentre giocolieri e saltimbanchi mostrano la propria abilità agli angoli della piazza. La zona del porto ospita inoltre la sede mondiale del Cirque du Soleil ed altre importanti aziende del settore culturale. Troneggia la zona del Vieux Port la monumentale Basilica di Notre Dame de Montreal, in cui è tradizione celebrare i matrimoni. Capita spesso infatti, già a primavera inoltrata, visitando la splendida Chiesa, di imbattersi in vivaci cortei di spose e damigelle in abiti colorati, tra invitati avvolti in vistosi cappellini dalle fogge audaci e signore attempate vestite di “regali” toni pastello con borsette rigorosamente abbinate in pieno stile “elisabettiano”. Di impronta tipicamente nordamericana è il quartiere finanziario, con la “Tour de la Bourse”, un grattacielo di 194 metri, progettato e realizzato dall’ingegnere italiano Pierluigi Nervi, che da Victoria Square domina la città. Montreal è una delle città più ricche del Canada: è la sede delle più grandi compagnie del Québec (Hydro-Québec, Bombardier, Banque Nationale, Quebecor, Desjardins), è anche sede dell’Organizzazione internazionale dell’aviazione civile (ICAO) e dell’Associazione internazionale del trasporto aereo (IATA). La metropoli ospita inoltre il prestigioso Canadian Institute of Mining, Metallurgy and Petroleum, una organizzazione di carattere mondiale che si occupa di sviluppo e di formazione avanzata nell’ambito dell’industria mineraria, metallurgica e petrolifera canadese e internazionale. La Tour de la Bourse è collegata dal suo interno, come tutti i maggiori edifici di Montreal, ad una fitta ragnatela di gallerie commerciali situate nel sottosuolo del centro direzionale: è la cosidetta “Downtown”, una vera e propria città sotterranea, conseguenza del clima estremo e ballerino, tipico del Quebec. Attraverso la rete dei servizi pubblici metropolitani, perfettamente funzionanti, è possibile raggiungere in pochi minuti qualsiasi punto della città: ogni stazione ha un punto di accesso esterno “uptown” ed uno sotterraneo che porta, attraverso dei lunghi corridoi, direttamente all’interno dei grandi centri commerciali multilivello. I rigidissimi inverni e le torride estati, che confinerebbero i cittadini nelle proprie case, sono così sconfitti dall’organizzazione e dalla tecnologia. A completare il quadro economico della città c’è Il “Casino de Montreal”, uno dei più grandi e famosi casinò del mondo, mèta indispensabile per chi visita la città. Da ricordare infine che Montréal è uno dei più importanti centri universitari e di ricerca di tutto il Canada; è sede infatti di ben cinque istituti universitari: l’Università McGill, l’Università Concordia, l’Università del Quebec a Montreal e l’Università di Montréal. Senza dubbio una metropoli interessante, vivace, piena di interessi e di stimoli, una tappa fondamentale ed uno stimolante punto d’appoggio per tutti coloro che intendono visitare il Canada ed in particolare il Quebec.

Articolo precedenteMoro, la verità nel giorno della tua festa
Articolo seguenteIncontro ravvicinato con Raffaella Fico…