Home Sport Pinturicchio esprimerà la sua arte tra i canguri?

Pinturicchio esprimerà la sua arte tra i canguri?

Quando Alex Del Piero ha lasciato la Juventus Fc, squadra a cui ha dato tutta la vita e nella ha fatto le cose più belle della sua carriera calcistica, sembrava che fosse finita un’era. Una stagione fatta di grandi numeri 10, un club che annovera sempre meno iscritti di nazionalità italiana. Il 13 Maggio 2012 durante il secondo tempo di Juventus-Atalanta, lo stadio si è fermato per il giro a bordocampo di Alex, mentre il resto della squadra ancora giocava, per omaggiare un’ultima il loro beniamino che si ritirava dall’attività. Una scena da film smentita nel peggiore dei modi, cioè con le polemiche tra il calciatore e la dirigenza, perchè il vero cruccio di Alex è stato il non aver terminato la carriera con la Vecchia Signora; perchè lui a 37 anni vuole giocare ancora. E così, nel mezzo dei tanti veleni estivi del calcioscommesse, riparte il calciomercato 2012-2013, e tutta l’estate accreditano Del Piero presso le più disparate destinazioni: la Russia, gli Emirati Arabi, la Cina, il Canada, gli Stati Uniti, persino l’Uzbekistan. Ai fuoriclasse a fine carriera in giro per il mondo ci eravamo abituati, ma in Australia no, nessuno aveva potuto immaginare che Alex Del Piero potesse approdare nella A-League vestendo la maglia del Sidney Fc.

“L’annuncio – si legge sull’edizione on line di The Australian, riportata anche dal Daily Telegraph – dovrebbe essere dato in una conferenza stampa in programma domani alle 11 italiane (le 19 di Sydney). Dopo lunghe ed estenuanti trattative, durate quasi una settimana, gli emissari del Sydney Fc hanno chiuso l’affare. De Piero ha firmato un contratto (biennale; ndr) a 2 milioni di dollari, cifra record per il calcio australiano. Nelle prossime due settimane il più famoso giocatore per quelli che sono i sette anni di storia della A-League incontrerà i suoi nuovi compagni di squadra a Sydney”.

Se così fosse, gli appassionati di calcio australiano dovranno riaggiornare i loro manuali del calcio ad ogni partita del Pinturicchio e i fan di Alex saranno costretti a lunghe peripezie per guardare le partite. Ciao Alex, che tu possa mostrare ancora a lungo la tua linguaccia.