Home Gossip Felipe VI diventa re di Spagna, ma il popolo piange i mondiali

Felipe VI diventa re di Spagna, ma il popolo piange i mondiali

La fine del franchismo nel 1976 sancì per Juan Carlos il suo posto di Capo di Stato della monarchia parlamentare più discussa del Novecento. Il re di Spagna oggi ha deposto lo scettro in favore del figlio Felipe. Il padre è sempre stato amante delle feste e della vita pubblica, noto per la sua socievolezza con il popolo. Il figlio invece è riservato, poco incline alla vita mondana; il giovane Felipe ha sempre ribadito ai genitori che si sarebbe sposato per amore e non avrebbe mai accettato un matrimonio combinato. Infatti, ha sposato la giornalista Letitia Ortiz Rocasolano, divorziata e soprattutto non di sangue reale.  Dall’unione, inizialmente osteggiata da Juan Carlos e poco favorita dal popolo, sono nati i due eredi al trono, Leonor  e Sofia. Se Felipe perdesse la vita prima che la piccola Leonor compisse 18 anni, la moglie Letitia diverrebbe reggente, oltre che principessa delle Asturie e in seguito Leonor sarebbe la regina. A causa di beghe familiari, le due cognate di Letitia oggi hanno subito una grossa umiliazione, l’una perché interdetta dalla cerimonia; l’altra perché sola, dato il recente divorzio. Dunque, come in una vera favola, Letitia è passata da Cenerentola a Regina, da plebea a nobile.

Tuttavia, oggi la Spagna non ha festeggiato il passaggio di testimone o la rivincita di una donna comune, bensì si è chiusa in un profondo cordoglio dopo l’esclusione dai mondiali. Interi quartieri hanno evitato addobbi, canti, balli o manifestazioni di gioia. Molti hanno ironizzato sul destino della nazionale spagnola, dicendo che la squadra ha perso per tornare anticipatamente a casa ed accogliere il nuovo re il prima possibile. Che sia così o no, quel che pare evidente è che il popolo sente la crisi economica e non ha più voglia degli sfarzi di corte, quanto piuttosto di riforme e di aiuti ai disoccupati.