Home Lifestyle Moda La rinascita della Via della Seta, made in Italy etico

La rinascita della Via della Seta, made in Italy etico

In questo nuovo ed entusiasmante appuntamento curato dalla dottoressa Maria letizia Esposito sulla moda etica parleremo di un progetto molto interessante che si pone come obbiettivo la rinascita della Via della seta in Veneto. Non tutti sanno che dal XII secolo l’Italia fu la maggior produttrice europea di seta: le città di Palermo, Messina, Catanzaro erano particolarmente rinomate. Tuttavia, la produzione comincia a declinare nel periodo tra le due guerre mondiali fino a scomparire del tutto a causa della produzione di fibre sintetiche e della concorrenza estera. Ma nel 2014 un gruppo di cooperative agricole che si occupano di gelsi-bachicoltura, in collaborazione con un laboratorio orafo d’eccellenza ha deciso di riavviare l’intero ciclo produttivo in Italia, stoppatosi negli anni ’50. Il risultato è una seta di primissima qualità, Made in Italy ed soprattutto etica; aspetti quali la riqualificazione ambientale del territorio e la valorizzazione del lavoro artigianale risultano, oggi più che mai, necessari. La filiera della seta etica è interamente eco-sostenibile: ad esempio i prodotti di scarto sono recuperabili e riutilizzabili per altre lavorazioni o sottoprodotti, realizzando quella che oggi viene definita economia circolare. Dopo un’importante successo riscontrato a livello nazionale, il progetto “La Rinascita della Via della Seta” viene portato all’attenzione della Commissione Europea, che sta chiedendo a tutte le Regioni dei 28 Stati membri di candidare i loro migliori progetti nel settore Ricerca e Innovazione, da presentare in occasione del Meeting Internazionale “Grows Your Region”, svoltosi alla fine di Aprile. Il progetto, che rientra a pieno titolo tra le Smart Specialization individuate dalla Regione del Veneto, viene scelto tra centinaia di progetti realizzati negli ultimi anni e quindi candidato per questo importante evento, per il quale sono stati selezionati solo ed esclusivamente quattro progetti di eccellenza in tutta Europa.

A metà aprile arriva una notizia straordinaria: il progetto “La rinascita della Via della Seta” è uno di questi, avendo suscitato particolare interesse per la sua multidisciplinarità, la qualità della progettazione, le prospettive concrete di crescita economica, occupazionale e sociale che può generare su territorio nazionale.