Home Lifestyle Viaggi Chernobyl, viaggio avventura nella tragedia

Chernobyl, viaggio avventura nella tragedia

Negli ultimi 3 anni, alcune agenzie di viaggi hanno deciso di proporre vacanze-avventura per combattere la crisi. Un esempio è la Tours2Chernobyl che offre per meno di 200 euro a persona dei tour completi da un giorno dell’ex sito di stoccaggio nucleare esploso nel 1986 e della limitrofa città di Pripyat.

Il fenomeno ha riscosso un tale successo che il governo ucraino, prima basito dalla speculazione dei tour operator, ha deciso di istituzionalizzarlo e pubblicizzarlo. Infatti, oggi la centrale e i suoi dintorni sono i luoghi più visitati dell’Ucraina. Guide attente e preparate faranno rivivere in tempo reale una delle tragedie più grandi della storia contemporanea.

Lo spirito di avventura e la curiosità dei turisti non deve però essere causa di incidenti o di scarsa attenzione alle misure precauzionali. Le guide e il governo invitano i visitatori a non toccare nulla, proteggere quanto più possibile il corpo da eventuali depositi di polveri ancora radioattive e a rispettare le leggi vigenti.

La curiosità non deve mettere in pericolo la vita del turista,che potrebbe avventurarsi da solo all’interno di edifici non in sicurezza,  perciò numerosi sono ancora oggi i militari e gli operatori di sicurezza attorno alla centrale e al nucleo di Pripyat.

Un turismo di questo genere, il cui costo può arrivare a 800 euro per 4 giorni,  è sponsorizzato anche in Iran e Corea del Nord. In questi luoghi, le guide turistiche sono spesso figli di dignitari del governo e quindi orientano il tour prettamente secondo le leggi e secondo cosa vogliono mostrare della città seguendo istruzioni dall’alto.

 

 

 

Fonte foto:http://kissingitbetter.me/chernobyl-disaster/