Home Attualità Attentato San Pietroburgo: il kamikaze è un 22enne kirghiso

Attentato San Pietroburgo: il kamikaze è un 22enne kirghiso

attentato

Attentato San Pietroburgo: secondo i servizi di sicurezza il killer è un ragazzo di 22 anni russo, ma originario del Kirghizistan

Akbarjon Djalilov, 22enne kirghiso, potrebbe essere il responsabile dell’attentato terroristico alla metro di San Pietroburgo, e che ha causato 11 vittime e 45 feriti. Nato nel 1995 a Osh, il ragazzo aveva ottenuto la nazionalità russa. A fornire queste prime indiscrezioni è stato il portavoce dei servizi di sicurezza Rakhat Saoulaimanov, il quale ha comunicato che non è ancora confermato al 100% il coinvolgimento di Djalilov nell’attentato, ma che è in atto una collaborazione con le autorità russe al fine di conseguire ulteriori conferme in merito.

Il possibile attentatore viveva a San Pietroburgo da sei anni, aveva cambiato diversi passaporti e ne aveva uno valido per l’espatrio. Il suo nome era circolato già lunedì, prima come ricercato (era stata segnalata la sua automobile, una Daewoo Nexia), poi come possibile kamikaze, versione che pare ora avvalorata dagli inquirenti.

Al momento, l’attentato non è stato rivendicato da nessuna organizzazione terroristica, anche se è ovvio che l’attenzione è stata subito rivolta verso l’Isis. Si pensa infatti che ci possa essere stata una sorta di ritorsione per l’intervento russo in Siria.

Articolo precedenteSibiu, la capitale tedesca della Transilvania
Articolo seguenteHiguain-ADL: uno scontro che potrebbe finire in tribunale