Home Attualità Come4.org: il primo sito porno che fa beneficienza

Come4.org: il primo sito porno che fa beneficienza

Farà molto discutere la campagna promozionale che l’agenzia pubblicitaria “Le Balene”, in partnership con “Hagakure”, ha studiato in occasione del lancio di un nuovo sito pornografico. L’idea rivoluzionaria è quella di accostare il mondo del porno a quello della beneficienza.

Si chiamerà “come.4″ il nuovo ed innovativo sito pornografico, ideato dai milanesi Riccardo Zilli e Marco Annoni, dove sarà possibile inviare gratuitamente materiale a luci rosse rigorosamente amatoriale e dove gli abbonati potranno visionare le immagini e i video attraverso il pagamento di una “fee”. Fino a questo punto nessuna particolare sorpresa rispetto a quanto tutti noi siamo abituati a trovare giornalmente navigando sul web. Dov’è quindi la vera novità e l’idea rivoluzionaria alla base del progetto? La risposta è semplice: i soldi pagati da tutti coloro che visioneranno le immagini e i video avranno un aspetto benefico e sosterranno la causa dell’ “Asta Philpot Foundation”, in difesa del diritto dei disabili ad avere una sessualità attiva.

L’incontro tra pornografia e beneficenza, tema alquanto delicato e al tempo stesso scabroso, necessita assolutamente di una forte ed incisiva campagna pubblicitaria, di messaggi diretti ma ironici, che devono colpire, sorprendere e far sorridere il potenziale cliente. L’agenzia pubblicitaria “Le Balene”,  sotto la direzione creativa di Sandro Baldoni e Lele Panzeri, del copy Rosario Giordano e dell’art director Evanghelos Christofellis, ha creato dunque delle immagini simpatiche, con parole dirette ma mai eccessivamente volgari che lasciano un dubbio a tutti: si tratta solamente di una pura trovata pubblicitaria o quello del “porno etico” senza fini di lucro potrà essere davvero l’espressione di una nuova sessualità?