Home Attualità Fare impresa? Botswana meglio dell’Italia

Fare impresa? Botswana meglio dell’Italia

La Banca Mondiale ha stilato la classifica delle economie in cui è più facile e redditizio fare impresa. I fattori presi in considerazione sono stati: registrazione della proprietà, efficacia dei contratti, commercio estero e gestione dei fallimenti. Nella classifica Doing Business 2014, l’Italia si colloca è 65esimo posto su 189 economie studiate. Burocrazia e alta pressione fiscale restano ostacoli insormontabili per le imprese italiane. Paesi sconvolti dai conflitti civili, ma meno burocratizzati come Botswana (56esimo posto), Rwanda (32esimo posto), Armenia (37esimo posto) e isole Tonga (57esimo posto), sembrano molto più appetibili della Penisola. Infatti, per l’OCSE in Italia i costi e le procedure per avviare un’impresa sono troppo onerosi. Ad esempio, un imprenditore italiano effettua circa 15 pagamenti all’anno, dedica 269 ore di lavoro amministrativo e versa delle imposte sugli utili, sui consumi, sui contributi sociali e previdenziali. Gran Bretagna, Danimarca e paesi scandinavi si collocano nelle prime posizioni per la bassa tassazione e le poche complicanze burocratiche.