Home Attualità Strage di Capaci, 25 anni dopo l’attentato a Falcone

Strage di Capaci, 25 anni dopo l’attentato a Falcone

Un' immagine d' archivio di Giovanni Falcone. Si è concluso con due condanne all'ergastolo per i boss Giuseppe Barranca e Cristoforo Cannella, una a 30 anni per Cosimo D'Amato e una a 12 anni per il pentito Gaspare Spatuzza il processo, celebrato in abbreviato, dal gup di Caltanissetta David Salvucci per la strage di Capaci. 19 novembre 2014. PAL ARCHIVIO / ANSA

Il 23 maggio 1992 il giudice Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e tre agenti della scorta furono vittime della strage di Capaci. Sull’autostrada A29 le auto blindate caddero in un’imboscata di Cosa Nostra. Un comando a distanza innescò 400 chili di tritolo. L’esplosione uccise i tre agenti della scorta e causò un violentò impatto contro il parabrezza di Falcone e della moglie. A 25 anni di distanza, politici e magistrati ricordano l’avvenimento.Ciò che viene evidenziato è il grande contributo che hanno dato uomini come i magistrati Falcone e Borsellino. Uomini rimasti nella memoria. Tutti gli italiani conoscono la loro integrità e la loro dedizione alla causa, alla legalità. Della vicenda si ricorda anche che Falcone voleva guidare il pool antimafia, ma che il CSM dell’epoca decise di affidarlo ad Antonino Meli. Nonostante i successi, infatti Falcone non era “comodo”per l’Italia dell’epoca. Alcuni suoi colleghi criticavano la sua collaborazione con il Ministro di grazia e giustizia Claudio Martelli, grande sostenitore dell’opera di Falcone e Borsellino.
La strage di Capaci sarà commemorata domani, in particolare a Palermo, con un evento a cui parteciperanno più di 70mila studenti provenienti da tutta Italia.

Articolo precedenteTimes Square, auto investe 22 persone. Non si tratta di attentato
Articolo seguenteAlien: Covenant, svelati i piani originali per James Franco